giovedì 10 luglio 2008

Finalmente è tornato Galopeira!

Dopo anni e anni di solo radio è tornato il vero Galopeira...

questo è il testo di "A te" l'ultima canzone del cantautore più famoso tra i romanisti e più invidiato da tutti gli altri tifosi.

Ironico, sagace, in parole povere vero romano de Roma.

La canzone è ripresa e modificata da quella originale di Jovanotti.

Il testo:

a te che vai dicendo in giro che sei nato prima e pur potendo sceje 'nte sei chiamato Roma è chiaro che come tifoso io ti ringrazio ma spiegame perchè hai scelto er nome lazio.

A te che ho visto perdere diversi derby in modo inopportuno pure pe' cinque a uno

io spero tanto invece che voi vi ricorderete la notte magica persa pe' n'autorete.

Per questo io non voglio dire che sei un gran sfigato ma con quer derby io ci ho vinto er campionato, Cragnotti lo scudetto a voi aveva garantitoma so' arivato io così ve l'ho scucito.

A te che sei, semplicemente sei lo spasso dei giorni miei ma è mejo se nun ce sei.

Rispetto quell'amore che tu hai per la tua maglia pure se hai avuto un presidente come Giorgio Chinaglia però nella tua piaga io ce vojo mette er dito dalla padella a' brace adesso c'hai Lotito.

A te che ho visto scendere lacrime sommesse andando in serie B per il calcio scommesse. Lo so che era più facile dal mio punto di vista, io stavo con Falcao te invece co' Batista.

Lo so che è proprio tanto tempo che tu non festeggi io invece ancora godo pensando agli spareggi non credere però che io non ti rispetti anche per gli 11 anni passati tra i cadetti.

A te che sei, semplicemente sei lo spasso dei giorni miei lo spasso dei giorni miei. A te che sei, semplicemente sei lo spasso dei giorni miei ma è mejo si nun ce sei.

Se è vero che il buongiorno si vede dal mattino ve siete iscritti all'ultimo corendo in motorino.

A te che nun poi fa mercato e allora piji Zarate tanto nun l'ho pagate perchè lo pijate a rate.

Questa non è una novità per le manovre basse n'artri 23 anni pe' paga le tasse.

E' vero che nun me permetto de chiamatte ladro ma me lo devi proprio di' 'ndo cazzo hai messo er quadro...

2 commenti:

Anonimo ha detto...

ao simo anvedi che tajo sta canzone la devi fa vede a riccardo lo sai come rosica
FORZA MAGICA ROMA
ALEGRIAAA
gabriele

Symon ha detto...

e questo è solo il testo, la devi sentì oppure prova a cantarla sulle note della canzone di jovanotti ;-))

ALEGRIAAA siempre!